Curriculum vitae

Download CV (curriculum italiano) (curriculum english)

Stefano Toffolo, veneziano, si è laureato presso la facoltà di “Lettere e Filosofia” dell’Università degli Studi di Ca’ Foscari con il prof. G. Morelli, discutendo una tesi in “Storia della musica”. Ha seguito i corsi di “Storia della musica”del m° V. Fagotto presso il Conservatorio “B. Marcello”, di “chitarra classica” con il m° A. Amato e con il m° B. Coquelet all’ “Ecole Normale de Musique de Paris”. Si è dedicato in seguito allo studio del repertorio per chitarra e liuto del periodo rinascimentale e barocco seguendo i corsi dei maestri A. Damiani, N. North e H. Smith. Ha collaborato con varie riviste (“Il Fronimo”, “Strumenti e musica”, “Recercare”, “Journal of the Lute Society of America”, “Revista de Musica ‘Scherzo’”, “Esodo”) e alla realizzazione di opere collettive, atti di convegni internazionali, numeri monografici (su G. Da Salò, L. Giustinian, G. Tartini, A. Vivaldi, D. Montagnana, Cima da Conegliano, F. Schubert, R. Schumann M. Proust, A. Schoenberg).

È stato fondatore e direttore artistico dell’Associazione Culturale “Pallade Veneta”; dal 1989 al 2007 nel Comitato direttivo dell’ “Università popolare di Venezia” e ideatore del “Premio Elena Bassi”, conferito annualmente. È autore di contributi ritenuti fondamentali dalla critica nazionale e internazionale nell’ambito della storiografia veneta e sui rapporti tra musica, arti figurative e letteratura. Con la Sat Survey ha realizzato la mostra e il CDRom “Romeo e Giulietta”(Verona, Casa di Giulietta, dicembre 2004 – marzo 2005). Sta completando altri progetti audio-visivi basati sulle sue diverse pubblicazioni.

Stefano Toffolo è stato professore di “Storia ed estetica della musica” al Conservatorio di Adria, Verona e Vicenza. Presso quest’ultimo istituto, ha insegnato anche corsi innovativi quali “Iconografia musicale”, “Storia del Lied, della mélodie e della romanza” nel 2006 e nel 2007 vi ha tenuto, con notevole successo e per la prima volta nella storia dei Conservatori, un corso di propria ideazione sugli “Aspetti classici nella musica dei Beatles”, in collaborazione con il m° Pietro Messina: una pubblicazione sullo stesso tema uscirà nel 2008. Attualmente è titolare della cattedra di “Storia ed estetica della musica” presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova.

Ha studiato il rapporto tra parola e musica in diversi contesti: Lied, mélodie, romanza, canzone anglo-americana, chanson francese, canzone italiana d’autore.

È stato invitato a partecipare a programmi radiofonici e televisivi regionali e nazionali (RAI 3, RAI del Veneto, TVA ecc.) e a tenere conferenze e lezioni- concerto in diverse Istituzioni culturali italiane (Ateneo Veneto, Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, Università di Venezia – Ca’ Foscari, Palazzo Schifanoia di Ferrara, Conservatori di Verona, Vicenza, Rovigo ecc.) e non (Università di Città del Mexico, Università di Moncton-Canada, Università di Kyoto-Giappone). Attualmente sta lavorando ad un progetto (testi e video) di propria ideazione: Venezia, Padova e il Consorziofra i 7 Conservatori della Regione Veneto e alla edizione in francese di un volume su Marcel Proust.

Loriginalità e il significato delle ricerche di Stefano Toffolo sono stati messi in luce da alcune delle figure maggiormente rappresentative della cultura musicale, letteraria e artistica dei nostri giorni: A. Díaz,, C.Gallico, G. Morelli, J. Cardoso, C. Magris, P. Mathvejevitch, M. Ophee, G. Ferraris, L. Michielon, M.Pezzani (vedi le recensioni nel sito www.stefanotoffolo.it).

Elenco delle pubblicazioni:

  • Antichi strumenti veneziani. 1500-1800: Quattro secoli di liuteria e cembalaria, Venezia, Arsenale Editrice, 1987 (Premio Lyons Club 1989).
  • Strumenti musicali a Venezia nella storia e nell’arte dal XIV al XVIII secolo, Cremona, Turris, 1995.
  • L’Angelo scarlatto del Mattino. Il mistico e la musica in Marcel Proust, Negarine di S. Pietro in Cariano (VR), Il Segno dei Gabrielli Editori, 1997.
  • Oscar Chilesotti 1848-1916. Un intellettuale veneto tra cultura e musica, Negarine di S. Pietro in Cariano (VR), Il Segno dei Gabrielli Editori, 1998.
  • Schubert e Goethe tra classicismo e romanticismo, Padova, Armelin Musica, 2000.
  • Romeo e Giulietta e altri drammi shakespeariani. Musica, Cinema e Letteratura dalle origini a Franco Zeffirelli a Nino Rota, Padova, Armelin Musica, 2002 (2a ediz. 2011).
  • Oscar Chilesotti. Da un codice del Cinquecento. Transcription for Lute or Guitar, from a 16th-century Lute Manuscript, Columbia, Editions d’Orphée, 2002.
  • Venezia nel cinema di Luchino Visconti. Da “Senso” di Camillo Boito a “Morte a Venezia” di Thomas Mann, S. Donà di Piave (VE), Edizioni Nattan, 2006.
  • Le feste galanti. Scene d’amore e di musica in Antoine Watteau, Padova, Armelin Musica, 2006.
  • Tre compositori di fronte a Nietzsche: Wagner, Mahler, Strauss, Padova, Armelin Musica, 2007.
  • Marcel Proust tra Venezia Padova e Verona, Pieve di Soligo (TV), Grafiche Bernardi, 2009 © Stefano Toffolo.
  • Note in Arte. La ‘Musica’ nell’arte veneta da Paolo Veneziano ai Tiepolo, Padova, Armelin – Musica, 2011.
  • Le Grand Paris. Impressioni sulla musica e le arti in Francia tra fine Ottocento e primo Novecento, Padova, Armelin Musica, 2004 (due interviste televisive sul volume per Asterisco informazioni, Tv Gold).

Fa parte del comitato scientifico (Editorial Team) dell’“International Journal of Contemporary Composition” (New Modern Music Resources), dove sono stati pubblicati alcuni saggi:

  • Para el maestro”: María Zambrano e Andrés Segovia, International Journal of Contemporary Composition (IJCC), Vol., 1, 2012, pp. 01-07.
  • La chitarra a Venezia nella storia e nell’arte dal Cinquecento all’Ottocento, International Journal of Contemporary Composition (IJCC), Vol., 2, 2012, pp. 01-34.
  • Le Grand Paris. Impressioni sulla musica e le arti in Francia fra Ottocento e primo Novecento, International Journal of Contemporary Composition (IJCC), Vol. 8, 2014, pp. 01-181
  • The Arnold Schönberg Hebraic Soul, International Journal of Contemporary Composition (IJCC), Vol. 10, 2014, pp. 01-23.

I commenti sono chiusi.